Negli ultimi anni i bollitori d’acqua elettrici hanno rivoluzionato la vita sia a livello domestico che in ambiente lavorativo. In particolare nel periodo invernale, cosa c’è di meglio di una bella tisana o di un tè caldo per affrontare nel migliore dei modi una giornata particolarmente fredda? Fino a qualche tempo fa, anche solo per preparare una semplice tisana si doveva scaldare un pentolino d’acqua sul fornello, rispettando i tempi previsti. Considerando la sempre più frequente distrazione delle persone, spesso il pentolino veniva dimenticato sul fuoco, finendo per consumare l’acqua contenuta. Al giorno d’oggi, i mille pensieri che affannano la mente delle persone non aiutano di certo a rilassarsi. La tecnologia, però, fa passi da gigante e di recente anche questo settore è stato coinvolto. Nelle abitazioni sono sempre più frequenti svariate soluzioni “smart”, che permettono di svolgere i lavori nel minor tempo possibile. E’ questo il caso dei bollitori d’acqua elettrici.

 

Cosa sono i bollitori d’acqua elettrici?

Sono semplicemente delle caraffe, spesso ideate con un design molto raffinato, nella quale è possibile inserire dell’acqua fredda, che verrà fatta bollire mediante l’azione di una serpentina interna. Basterà collegare la base nella quale viene posta la caraffa alla presa della corrente, premere il tasto di accensione e l’acqua si riscalderà in pochissimi minuti. Sicuramente il tempo impiegato per far bollire l’acqua con questo metodo sarà minore di quello impiegato usando il pentolino. I bollitori elettrici sono stati in grado di farsi spazio anche negli ambienti lavorativi, nella quale la possibilità di fare una pausa con un buonissimo tè caldo in tazza grande è sempre più in voga in ufficio.

E’ possibile notare che questi favolosi elettrodomestici hanno ridotto quelli che sono i tempi di preparazione di qualsiasi tipo di bevanda, permettendo di soddisfare i propri bisogni praticamente all’istante.

Criteri per ottimizzare la scelta di un bollitore d’acqua elettrico

Come per ogni elettrodomestico si devono valutare determinate caratteristiche per poter scegliere il prodotto più adatto alle proprie esigenze. Oggi il mercato offre la possibilità di scegliere tra diversi tipi di modello, per cercare di soddisfare i gusti dei clienti. Ecco alcuni consigli da tenere in considerazione per la scelta più adeguata.

Capacità del bollitore d’acqua

E’ importante considerare la capacità di un bollitore, in quanto deve essere grande abbastanza per svolgere il suo compito. Non ha senso, dunque, acquistare un bollitore di piccole dimensioni nel caso venisse usato durante eventi che prevedono un gran numero di persone. Potrebbe anche essere una scelta da valutare, ma in questo caso sarebbe meglio acquistarne più di uno. La capacità viene intesa come la massima quantità d’acqua che è possibile inserire al suo interno. Se si fa riferimento all’uso domestico le quantità d’acqua da far bollire non saranno mai eccessive, dunque non servirà un bollitore avente grandi capacità. La stessa cosa vale per gli ambienti lavorativi. Le capacità dei bollitori sono essenzialmente suddivise in tre categorie:

  • fino a 0.5 litri, per i cosiddetti “bollitori da viaggio”, che consentono di riscaldare piccole quantità di acqua, e sono poco ingombranti. Sono l’ideale per la preparazione di bevande per una persona, o due al massimo.
  • fino a 1.4 litri. Questa capacità è tipica dei bollitori d’acqua di medie dimensioni. L’acqua viene riscaldata una volta soltanto e successivamente può essere utilizzata per diversi usi a livello domestico, ad esempio per un tè caldo e per preparare un certo tipo di sugo, oppure direttamente per preparare la tisana per 3 o 4 persone.
  • da 1.4 a 1.8 litri. I bollitori aventi questa capacità sono in grado di riscaldare una quantità di acqua adatta alla preparazione di tisane per 7 o 8 persone. Inoltre è possibile ricavarne anche una certa quantità per la preparazione di qualunque altro tipo di cibo, dipendentemente dall’uso.

Struttura con filo o senza filo

Le caraffe costituenti i bollitori possono essere alimentati da un filo da collegare alla presa elettrica oppure da apposite batterie. I bollitori alimentati a batteria sono leggermente più costosi di quelli a filo, ma permettono una maggiore mobilità. La base è mobile e si possono trasportare praticamente ovunque. In questo modo l’apparecchio può essere posizionato senza dover andare in cerca dell’incastro. Quelli a filo invece sono meno mobili e più economici. Devono essere dotati di un gancio avvolgicavo, che di solito si trova sotto la base o a lato dell’apparecchio, per permettere il riavvolgimento del cavo una volta terminato l’utilizzo.

Posizione della resistenza

La resistenza è un elemento fondamentale perché permette di portare l’acqua in ebollizione. Sono le performance di tale elemento che determinano l’efficienza del bollitore. In genere ci sono due tipi di resistenza: la resistenza con serpentina a vista oppure la resistenza a piastra. La prima è costituita da una serpentina di acciaio contenente una resistenza che si riscalda mediante il calore generato dall’elettricità. Si trova principalmente nei modelli più economici e con il passare del tempo potrebbe presentare dei problemi a livello di formazione di calcare. L’acqua, infatti, quando viene portata in ebollizione, rilascia il calcare sul fondo dell’apparecchio, che potrebbe intaccare la serpentina. La resistenza a piastra invece non è in vista e si trova alla base dell’apparecchio. Essenzialmente è una piastra d’acciaio che ricopre tutto il fondo. E’ tipica dei prodotti più costosi e non è soggetta ad accumuli di calcare, per cui anche la pulizia risulta semplificata.

Potenza

La potenza del bollitore d’acqua dipende dalla tipologia acquistata. Gli apparecchi di prezzo più basso presentano potenze poco elevate, che si aggirano attorno ai 1000 Watt, ma richiedono più tempo per portare l’acqua in ebollizione. I modelli più costosi presentano, invece, potenze molto più elevate, che si aggirano su valori a partire da 1400 Watt, fino a 2500 Watt per i modelli più tecnologici. Esistono inoltre modelli che garantiscono un risparmio energetico, per evitare di sprecare acqua ed energia.

Funzioni

Al giorno d’oggi quasi tutti i bollitori d’acqua elettrici sono dotati di dispositivo di spegnimento automatico, per evitare di surriscaldare troppo l’acqua. Il dispositivo, infatti, scatta non appena l’acqua è arrivata alla temperatura desiderata. Esistono anche dei sistemi di blocco automatico nel caso di malfunzionamento dell’apparecchio, per evitare di causare danni alla persone. Se l’acqua non viene utilizzata nell’immediato esiste una modalità di tenuta a caldo, che permette di mantenere l’acqua ad una certa temperatura per un determinato periodo di tempo, dopo che è stata portata in ebollizione. I modelli più tecnologici permettono, inoltre, di impostare la temperatura e l’orario di avvio del dispositivo.

I migliori bollitori d’acqua elettrici da acquistare online

Ariete 2868 Vintage 1L Bollitore Elettrico

Questo modello è uno tra i più economici e non è dotato di cavo. Presenta una base cordless nella quale si dispone il bollitore per portare l’acqua in ebollizione. Questa particolarità consente di staccare il dispositivo dalla base e di trasportarlo in qualunque punto della casa, dove è necessario il suo impiego. Inoltre, il suo raffinato design e la possibilità di scegliere tra vari colori pastello lo rendono un apparecchio perfetto per dare un tocco vintage alla cucina. E’ dotato di dispositivo di spegnimento automatico che ne consente lo spegnimento al raggiungimento della temperatura desiderata, per evitare sprechi di acqua e per garantire la totale sicurezza.

AEG EWA7800 

Un modello sofisticato dalle performance elevate, il cui rapporto qualità prezzo è uno dei migliori. Questo bollitore è considerato uno dei best products presenti nel mercato e presenta una capacità pari a 1,7 litri. Significa che può essere utilizzato per diversi usi contemporaneamente, ad esempio sia per la preparazione di tisane che per la cottura della pasta. La possibilità di regolare la temperatura consente di attivarlo in un momento preciso della giornata, per risparmiare tempo e godersi momenti di assoluto relax. E’ dotato di un sistema di sicurezza con dispositivo di spegnimento automatico, che ne blocca l’attività per evitare qualsiasi danno a persone o all’ambiente circostante. Essendo un modello in classe energetica A garantisce anche un risparmio di energia.

VG JK 3002

Bollitore elettrico in acciaio inox di alta qualità, che si adatta perfettamente a qualunque uso. La sua capacità è pari a 1,7 litri e la sua potenza arriva fino a 2200 Watt, dunque risulta essere uno dei più adatti per la preparazione di una grande quantità di acqua, da usare in diversi ambiti. L’ergonomia del manico e la capacità di rotazione della base sono tali da garantire una comodità nell’utilizzo sia da parte di persone mancine che da parte di persone destrorse. Non è dotato di cavo e questo ne permette il trasporto praticamente ovunque. Nella parte esterna è presente un indicatore di temperatura, per tenere sempre  sotto controllo la temperatura dell’acqua. Anche questo modello si pone in classe energetica A, garantendo un eccezionale risparmio energetico.

Bollitore Phonect in Vetro

Questo modello presenta un design del tutto particolare. La sua struttura in vetro, infatti, lo rende unico nel suo genere mentre il suo design caratteristico lo rende adattabile ad ogni lato della casa, in particolare come caraffa da utilizzare anche a tavola. Nella parte inferiore presenta una luce a led azzurra, che indica la fase di riscaldamento dell’acqua quando si illumina. La sua potenza, pari a 2200 Watt lo rende perfetto per l’ebollizione dell’acqua destinata a diversi utilizzi in un tempo brevissimo. E’ inoltre dotato di un dispositivo di spegnimento automatico quando l’acqua raggiunge la temperatura desiderata e in caso di malfunzionamento.

 

Bollitori d’acqua elettrici: i migliori del 2019 e consigli per l’acquisto

Un pensiero su “Bollitori d’acqua elettrici: i migliori del 2019 e consigli per l’acquisto

  • maggio 22, 2019 alle 3:15 pm
    Permalink

    Il terzo fattore che deve essere considerato con estrema attenzione e quello rappresentato dai materiali con cui il bollitore viene assemblato. Solitamente vengono utilizzati le leghe metalliche, a partire dall acciaio inox, e i materiali plastici. I primi sono senz altro da preferire quando si punta su un prodotto robusto e si intende favorirne la durata nel tempo. La plastica e invece da preferire per i cosiddetti bollitori da viaggio, per i quali uno dei requisiti chiave e la leggerezza. La controindicazione dei materiali plastici sta proprio nella loro natura: nel caso in cui non siano atossici possono rilasciare sostanze pericolose nell acqua, proprio in considerazione delle alte temperature alle quali essa viene trattata. Per tagliare la testa al toro, si dovrebbero acquistare i bollitori recanti la dicitura bpa free. Altro materiale di largo impiego e poi il vetro pyrex, il quale viene usato per rendere il corpo macchina trasparente.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *