Avere una giusta illuminazione se si trascorre tanto tempo libero sui libri per studiare, per diletto o davanti al computer per lavoro, è fondamentale per non affaticare troppo la vista. Le lampade da lavoro o da scrivania, sono molto diffuse, specie quelle di ultima generazione, che oltre ad avere la classica funzione di una lampada, fungono anche da eleganti oggetti di arredamento.

Come scegliere la migliore lampada da lavoro

Tutti più o meno necessitano di una lampada sulla propria scrivania e proprio per questo motivo andremo a vedere quali sono oggi le migliori sul mercato, adatte a tutte le esigenze. La scelta può sembrare semplice ma in realtà ci sono delle piccole “regole” da seguire a seconda dell’ambiente dove andremo a collocare la lampada e al tipo di utilizzo che abbiamo intenzione di fare.

Se avete bisogno di un’atmosfera rilassante, priva di qualsiasi distrazione avrete sicuramente bisogno di una luce che non stanchi la vista e che renda piacevole anche la lettura di un libro. Le caratteristiche da tenere in considerazione nella scelta sono:

  • l’intensità della luce;
  • temperatura del colore;
  • la tipologia di fonte luminosa;
  • risparmio energico;
  • particolari tecnici come l’autonomia della batteria, nel caso di lampade ricaricabili o la dimensione nel caso di lampade da portare anche in viaggio;
  • design moderno o comunque in tema con il vostro arredamento.

Le migliori lampade da lavoro in vendita

Le più vendute sui siti e-commerce attualmente sono:

TaoTronics lampada LED

Questa lampada da scrivania si presenta con un design moderno adatto a tutte le attività e con un’asta in alluminio e una base sottile, che consentono di posizionarla in qualsiasi ambiente. Fornisce un’illuminazione a 360° grazie al suo meccanismo rotante, ottima per ricaricare smartphone ed e-book mediante la porta USB integrata. Caratteristica principale sono i LED per un cospicuo risparmio energetico che garantiscono, il non surriscaldamento e una lunga durata nel tempo. A questa particolarità si aggiunge anche la possibilità di regolare sei livelli di luminosità e scegliere tre temperature di colore tra bianco, bianco caldo e luce gialla. La funzione memoria ricorda le ultime impostazioni selezionate e non occorre selezionarle ogni volta. Questo articolo come si può leggere nelle numerose recensioni positive, risulta essere molto utile per chi ha bisogno di regolare la luminosità senza dovere spostare l’oggetto, ma di contro in alcune recensioni negative si può leggere che ha un difetto: la lucetta rossa dello stand-by che resta accesa sempre, anche quando la lampada è spenta. Per ovviare a questo “problema” si può sempre staccare la presa della corrente.

Topelek LED

Questa lampada è facile da portare ovunque poiché pieghevole, ottima sia da utilizzare per lavoro che per studio.  Illumina gli ambienti al buio, anche di notte, senza recare disturbo, e protegge la vista durante la lettura. Dotata di tre livelli di luminosità, tre modalità di colore, 42 LED, controllo tattile per l’accensione e regolazione delle varie funzioni, e di un resistente cavo di alimentazione. L’illuminazione a LED che sostituisce la classica luce calda o fredda delle tradizionali lampadine, garantisce una maggiore durata dell’articolo nel tempo e un notevole risparmio economico, oltre che protezione per l’ambiente. Acquistare questo oggetto equivale ad acquistare un prodotto dalle elevate prestazioni a un costo alla portata di tutti. Altamente consigliabile, poiché sul web ha solamente recensioni positive.

Lampada da Scrivania iEGrow

Si tratta di una lampada con USB integrata, tre livelli di illuminazione, controllo tattile altamente sensibile, luce a LED, dal design simile a una piantina di colore verde chiaro. La sua dimensione ridotta permette di collocarla in qualsiasi ambiente sia lavorativo che di relax. Nonostante le tante recensioni positive che ne denotano la principale caratteristica della possibilità di regolare l’intensità luminosa per non affaticare la vista, di contro possiede un difetto. Alcune recensioni negative ne sottolineano la scarsa efficienza della batteria a litio che l’alimenta, in quanto nonostante sia ricaricabile ha un’autonomia non superiore alle due ore che possono risultare insufficienti per chi ha necessità di portare la lampada con sè, ad esempio in viaggio.

LENDOO Lampada da Scrivania

Siamo in presenza di una lampada ricaricabile, pieghevole, rotante a 360° dalle notevoli qualità e dall’efficienza impeccabile. Dotata di tre livelli di intensità luminosa regolabili, cinque temperature di colore, controllo tattile, timer di spegnimento, protezione vista e porta ricaricabile USB. Utilizza 52 lampadine LED che garantiscono una luce stabile per proteggere al meglio la vista in qualsiasi situazione di affaticamento. Ha una batteria ricaricabile mediante la porta USB in dotazione con un’autonomia di circa 5-8 ore di lavoro. Ottima anche per ricaricare dispositivi Android e fotocamere. Non possiede fili per cui può essere trasportata in tutta comodità. Online sono consultabili solo recensioni positive.

Come si utilizza una lampada da lavoro e consigli utili

Come abbiamo visto le lampade da lavoro sono funzionali e riescono a dare anche un tocco di eleganza agli ambienti che le ospitano. Ne esistono di svariati modelli, più o meno funzionali e con design che richiamano anche ornamenti come piante o dalle forme geometriche astratte.

La scelta deve ricadere sempre su prodotti di alta qualità per evitare di incorrere in articoli che possano guastarsi in tempi record o che non riescano a dare il giusto apporto luminoso di cui necessitate. Ecco perché è bene informarsi sempre sui materiali con cui sono realizzate e sulla tipologia di lampadine (preferibilmente lampadine LED) cui sono dotate. Prestate anche molta attenzione all’autonomia, non vorrete ritrovarvi al buio con lampade che nel giro di poche ore si scaricano e in preda alla disperazione per non avere ultimato la lettura del vostro libro preferito!

Ogni lampada che acquistate all’interno della confezione contiene generalmente, insieme al cavo di alimentazione, anche il libretto delle istruzioni nel quale avrete modo di leggere tutte le informazioni utili da mettere in atto prima di procedere all’accensione. Ovviamente leggete la parte che riguarda le specifiche tecniche per vedere se può essere collegata al vostro impianto elettrico o occorre aggiungere qualche riduttore alla presa di corrente.

Assicuratevi di non lasciare mai il prodotto vicino a fonti di acqua in modo da non guastarlo. La batteria in dotazione è progettata per le interruzioni di corrente di emergenza. Si consiglia sempre di collegare la spina di alimentazione alla presa per utilizzare giornalmente la lampada, così da mantenere la batteria con la luminosità prescelta (se la lampada consente di regolare l’intensità luminosa) e di proteggerla dall’usura. Raccomandiamo di non modificare o smontare mai il prodotto da soli per evitare di prendere la scossa elettrica o innescare incendi, specie con il cavo dell’alimentazione collegato.

 

 

Lampade da lavoro: ecco le migliori e come sceglierle